Si può superare un tradimento?

Condividi!

In questa storia personale Francesca (è un nuovo fittizio, per tutelare la privacy della cliente) racconta l’esperienza, vissuta in prima persona, del tradimento all’interno della coppia.

Nel racconto i Tarocchi offriranno a Francesca la soluzione per risovere questa difficile situazione.

Sembrava tutto normale…

Quella che ti sto per raccontare è la storia di come ho scoperto che mio marito mi tradiva e delle azioni che ho intrapreso per superare e perdonare il tradimento, ricostruendo così il nostro rapporto dalle fondamenta.

Non mi ricordo di preciso quando le cose tra di noi iniziarono a peggiorare. Ero convinta che tutto andasse bene e di vivere una storia felice, quindi puoi immaginare lo stato di confusione e incertezza che mi ha pervase.

Ok, forse non ho saputo cogliere in tempo i messaggi nascosti che Carlo mi ha mandato nel corso di questi anni o forse semplicemente, io, donna in carriera di 4 anni, sono stata troppo impegnata con il lavoro per poter coltivare una relazione sana con mio marito.

I ritmi incessanti, lo stress, i continui impegni dell’ultimo minuto...tutto questo ha influito sul mio non saper cogliere il malessere della persona al mio fianco e con cui condividevo e condivido tuttora, sogni e progetti per il futuro. Malessere che poi, come potrai immaginare, è diventato qualcosa di troppo grande da poter nascondere e ho che ho dovuto affrontare togliendomi quei paraocchi che mi hanno celato per troppo tempo la realtà.

Prima che tu me lo chieda, ero soddisfatta dalla nostra vita sessuale. Più che soddisfatta, si può dire che avessi messo l’aspetto sessuale della relazione in secondo piano, quindi non mi aspettavo niente di più di quel che già avevo, se così si può dire.

Certo, in quel periodo era diventata più una routine che vera e propria passione, ma credo che sia una cosa normale e che capiti a molte coppie dopo anni di convivenza.

Non mi sentivo in colpa nel “rimandare” o nel dire “tesoro, questa sera no, sono molto stanca” perché in fin dei conti era vero e mi sembrava che per lui non fosse un problema.

Mi sbagliavo, per lui non solo era un problema, ma aveva anche trovato un modo per risolverlo da solo, incurante del male che tutto ciò mi avrebbe causato.

Come mi accorsi che la nostra vita sessuale, un po’ monotona, non riusciva a soddisfarlo? In realtà non me ne sono mai accorta, almeno fino a quando non ho scoperto del tradimento.

Eppure i segnali erano parecchi e ben visibili. I suoi silenzi sempre più frequenti, tutti quei messaggi che mandava di notte, quel suo cambio di look, avevo tutti gli strumenti per capire, ma non ci sono riuscita.

Il giorno che cambiò per sempre la mia vita

Non sono quel tipo di moglie che fa le pulci al proprio uomo quando questo esce con gli amici o riceve messaggi sospetti. Però iniziai a notare che le partite di calcetto erano sempre più frequenti, cosa abbastanza strana per un uomo di 43 anni con tempi di recupero superiori all’era geologica.

Mi sembrava strano, ma per qualche settimana non feci domande: mi fidavo di lui e credevo fosse felice di stare con me.

Il vero e proprio campanello d’allarme suonò di sabato, insieme al suo cellulare. Carlo era in doccia, si stava preparando per una cena tra colleghi, almeno così recitava la versione ufficiosa. Quella ufficiale mi si palesò quando sul suo smartphone, lasciato incustodito sul tavolo della cucina, apparve la notifica di un messaggio da un numero non salvato tra i contatti.

Di solito non ho quella curiosità morbosa di sapere tutto della vita del mio uomo. Eppure quella volta, il mio occhio cadde sullo schermo istintivamente: “Ti sto aspettando...ho una  sorpresa per te...sbrigati. Ti amo”.

Non so come spiegare la sensazione che provai in quel momento. Capii tutto ma allo stesso tempo il mio cervello non riusciva a formulare nessun pensiero, come se fosse congelato. Ricordo che il cuore iniziò a battermi forte. Non poteva essere, non era vero. Sicuramente era lo scherzo di un collega. Il mio Carlo non aveva un’amante.

Invece ce l’aveva, a quanto pare da un paio di mesi.

Mentre io ero in cucina, con la testa fra le mani incredula, lui uscì dal bagno, andò in camera e si vestì. C’era un silenzio surreale e ciò lo insospettì, perché mi venne incontro con un gran sorriso, di paura ovviamente, consapevole che qualcosa non andasse per il verso giusto. Appena vide il suo telefono di fronte a me, capì di essere stato scoperto.

Litigammo, litigammo ferocemente. Più cercava di nascondere l’evidenza, più mi scagliavo contro di lui. Furono minuti terribili. Il mio mondo era crollato all’improvviso, come un castello di sabbia quando viene colpito da un’onda.

Iniziai a piangere, lui uscì di casa sbattendo la porta. Presi le mie cose e qualche vestito e per un paio di giorni andai a vivere da mia mamma. Mi chiesi perché l’avesse fatto e cosa spinge una persona a ferire chi gli sta vicino solo perché non si ha avuto il coraggio di parlare o di affrontare un problema insieme...insomma, perché si tradisce?

Come ho affrontato il tradimento

Furono giorni difficili, il tradimento è qualcosa che in pochi secondi demolisce tutte le tue certezze. Ricevetti decine di suoi messaggi, dove si scusava con me, dicendo che non sapeva perché l’aveva fatto, non sapeva perché mi aveva tradito. Voleva che lo perdonassi, ma io ero troppo ferita anche solo per pensare di scrivergli qualcosa. Mi disse che era un periodo strano per lui e che non si sentiva appagato sessualmente dalla nostra vita di coppia.

Mi amava, ma il nostro rapporto era diventato per lui una gabbia. Per questo aveva iniziato a frequentare un bar, dove aveva conosciuto un paio di ragazze. Voleva provare cose nuove, andare a letto con donne diverse e sfogare finalmente quel desiderio dentro di lui che non faceva altro che tormentarlo.

Se da un lato mi sentivo offesa e tradita, dall’altro ero sollevata dal fatto che mi avesse finalmente raccontato la verità. Sia chiaro, ero arrabbiatissima e molto lontana anche solo dal pensare di perdonarlo. Però avvertivo che il filo che ci teneva legati era ancora lì, non si era spezzato. Per qualche giorno pensai a come uscire da quella situazione difficile. Ma come si supera un tradimento?

Questa è l’altra domanda che mi feci per giorni e giorni, senza mai trovare però, una risposta che mi tranquillizzasse.

Sono sempre stata appassionata di crescita personale, mondo olistico ed esoterismo, in particolare mi hanno sempre molto affascinata i Tarocchi.

Navigando in rete ho trovato questo sito: Ateneo dei Tarocchi, che mi ha incuriosita.

Mi interessano molto come temi la Psiche e l'Anima e quindi questo connubio tra Tarocchi, Psiche e Anima mi coinvolgeva particolarmente.

Ho contatto Matteo e questa è la descrizione del messaggio che i Tarocchi hanno voluto comunicarmi per risolvere la mia difficile situazione:

Matteo: "il Papa a rovescio come icona del presente e l'Innamorato a rovescio al passato, ci confermano il tradimento di Carlo.

Il più il Bagatto a rovescio al futuro ci fa intendere che questa attitudine di Carlo al tradimento, questa pulsione sessuale che difficilmente lui contiene potrebbe continuare ad essere una tendenza in futuro.

Come Arcani soluzione abbiamo La Giustizia, il Sole e la Stella.

Possiamo affermare che gli Arcani in soluzione parlano di un'azione che tu puoi intraprendere per migliorare la situazione. Dagli Arcani sembra che solo tu possa cambiare la situazione, in quanto lui non è in grado al momento di apportare alcun cambiamento.

La Stella sei tu che investi nel rapporto di coppia e ti dedichi al miglioramento della situazione.

Il Sole rappresenta una nuova base da cui partire insieme: la dedizione alla costruzione di un progetto famigliare in comune, che sia quindi appagante per entrambi."

Giustizia infine indica la tua presa di posizione all'interno della coppia, l'equilibrio mentale ed emotivo che devi coltivare e che può ridare stabilità alla vostra coppia.

Il risultato di questo tuo prendere posizione sarà rappresentato al futuro dalla Forza che guarda l'Imperatore.

Una coppia solida, forte e stabile dove tu Francesca riprenderai le redini del rapporto e Carlo si sentirà di nuovamente uomo e appagato sessualmente grazie alla rinnovata intesa tra voi e al tuo nuovo ruolo di donna forte e desiderabile che attrarrà irresistibilmente Carlo che è l'Imperatore.

Ricostruire un rapporto

Decisi di mettere in pratica i suoi consigli. Avevo finalmente capito il perchè si tradisce e come affrontare questo problema di coppia. Entrambi avremmo dovuto posare un mattone alla volta, per ricostruire insieme quello che era stato distrutto, per superare il tradimento e vivere il nostro rapporto sotto una nuova luce.

Carlo avrebbe dovuto imparare a contenere le sue pulsioni e i suoi desideri sessuali all’interno della coppia, io invece, ad assecondarlo più spesso, mettendo però il dialogo sempre al primo posto.

Gli scrissi il primo messaggio dopo settimane. Bevemmo un caffè insieme e il venerdì seguente tornammo a vivere sotto lo stesso tetto. Non fu semplice all’inizio, ma grazie a quei preziosi consigli, ritornammo a essere complici e a guardarci con gli occhi di chi si ama davvero. Quel tradimento è stato solo una brutta pagina, di un meraviglioso libro ancora tutto da scrivere.

 

Francesca è riuscita a recuperare la propria relazione con Carlo grazie ai suggerimenti del consulto Relazioni che puoi trovare su questo sito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi!

Leave A Response

* Denotes Required Field